L'avvocato delle cause perse

Ho letto da qualche parte che quando si hanno tanti pensieri ingarbugliati che frullano per la testa, è meglio scriverli, per poterli riordinare come prima cosa, ma anche per fare una sorta di download, in modo da liberare la testa dalle cose fastidiose. Io non ci credevo, ma mi è capitato di provare a farlo alcune volte, in periodi in cui ero monotematica e continuavo a tornare sempre sulle discussioni che riguardavano determinati avvenimenti, e ogni volta che ci ritornavo le mie opininioni erano sempre le stesse, con le stesse identiche conclusioni, la differenza era che mi trovavo ogni giorno con un pezzetto di fegato in meno. Scrivere i pensieri aiuta, aiuta tantissimo, ci si scarica davvero, e perciò ho deciso di creare, in un angolino del blog, uno spazio dove sfogarmi, chiamato L'Avvocato delle Cause Perse.

Perchè questo nome? Perchè spesso quello che mi affligge è un insieme di problemi per così dire "irrisolvibili", cronici, insiti nell'essere umano e radicati nella storia, per cui ormai impossibili da estirpare, a meno dell'utilizzo di un dispiegamento di forze da parte di ogni singolo essere vivente, praticamente un sacco di cause perse!

E qui raccoglierò tutti i link ai post di sfogo che metterò, saranno 1, 10 o 1000, non lo so, ma se vi va potete leggerli, se non vi va non c'è assolutamente problema, l'importante per me è "buttare fuori" il marcio dai miei pensieri, perchè non lo so mica quanto fegato sano mi resta!!!

Ciao ciao!

(la quintessenza della causa persa! Siamo sicuri davvero che riusciremo a liberarcene?)